on(release){ getURL('javascript:hhotelSearchPromo("CONNECTNAME","lg","")') } ...... hotel campo marzio vicenza, hotel a vicenza, hotel a vicenza in centro, alberghi a vicenza, alberghi in centro a vicenza,

flag_ita_s flag_en_s flag_de_s

Stacks Image 157


L
´Hotel Campo Marzio, è collocato a soli 20 metri dalla zona pedonale e a 300 metri dalla stazione ferroviaria al confine con il grande parco cittadino. Facile da raggiungere è l´hotel a quattro stelle più centrale di Vicenza con ampio e comodo parcheggio, disponibile solo previa richiesta e prenotazione.

La posizione del Campo Marzio vi consentirà di scoprire le principali attrazioni della città. Monumenti, musei, negozi e ristoranti sono tutti facilmente raggiungibili, compresa Piazza dei Signori con la Basilica Palladiana (a 500 metri) e il Teatro Olimpico.

L´Hotel Campo Marzio dispone di un Internet Point nella hall a disposizione gratuitamente dei clienti e della connessione Wi-fi ad alta velocità ADSL in camera.

Alla reception, aperta 24 ore su 24, troverete un personale multilingue, sempre disponibile a consigliare escursioni turistiche e deliziosi ristoranti per esplorate le tradizioni e le caratteristiche uniche del nostro territorio e rendere il vostro soggiorno quanto più piacevole possibile

in Evidenza

Vicenza, Basilica
Palladiana
22 febbraio
4 maggio 2014

Stacks Image 300
versoMonet
Storia del paesaggio dal Seicento al Novecento
La grande storia della natura dipinta. Come in un romanzo
colmo di bellezza, che tocca tutti i principali artisti
che alla descrizione del paesaggio hanno dedicato la loro vita.
Cento opere, come sempre provenienti dai maggiori
musei del mondo, illustrano in cinque sezioni questo lungo
percorso. Che parte dal Seicento e arriva fino al tempo
meraviglioso e profumato che Monet trascorre nel giardino
incantato di Giverny. Cos., dal Seicento di Poussin
e Van Ruisdael, dal Settecento di Canaletto, Guardi e Bellotto,
si giunge all’Ottocento, il cosiddetto secolo della natura.
Dal tempo romantico di Friedrich e Turner, passando
per i vari realismi in America ed Europa, si giunge
alla sublimazione nuova della natura con gli impressionisti.

versoMonet Storia del paesaggio dal Seicento al Novecento Vicenza, Basilica Palladiana 22 febbraio 4 maggio 2014




Se una notte nel tempo Van Gogh e Tutankhamen
Vicenza - Basilica Palladiana
24 dicembre 2014 - 2 giugno 2015

Stacks Image 44
Van Gogh e Tutankhamen

La sera e i notturni dagli Egizi al Novecento

Ottanta opere, come sempre magnifiche, rare, internazionali, musicano questo affascinante racconto sinfonico.

Un poema che inizia lungo il Nilo, dove si sedimenta l’idea della notte del mondo oltre il mondo. E’ la notte abitata nel ventre delle Piramidi. Raccontata in mostra da reperti che, da soli, valgono il viaggio a Vicenza. Dal Museum of Fine Arts di Boston giunge per la prima volta in Italia un nucleo di tesori egizi stupefacenti: dal corredo della Regina Hetherphes, al celeberrimo volto di Tutankhamen re bambino sino ai Ritratti del Fayum, quando Egitto e Roma si avvicinano, a partire dalla fine del I secolo d. C.

Questo il grande prologo. Cui segue un poema ancora più grandioso fatto di dipinti-capolavoro che raccontano la notte piena o il tramonto o i crepuscoli, la mareggiata di stelle, il giungere dell’alba. Si parte dal Cinquecento e dal Seicento, dai grandi veneti, lombardi e emiliani: Tiziano, Lotto, Bassano, Tintoretto, Savoldo, Caravaggio, Correggio, Carracci, per affacciarsi sui fiamminghi come Rubens o Elsheimer o De La Tour in Francia, El Greco e Zurbaran in Spagna, olandesi come Rembrandt e Van Honthorst, fino ai pittori del Settecento, da Magnasco a Füssli, ai preromantici come Wright of Derby, a Canaletto, Guardi. Poi la pittura americana, con un occhio particolare alle meraviglie di Church e via via fino a Hopper. In ambito francese Millet, Corot, Courbet e, tra gli impressionisti Whistler dapprima e poi Manet, Cézanne, Pissarro, Monet, Gauguin e infine Van Gogh. A lui sarà riservato un omaggio particolare: 10 opere “da museo”, tant’è che a concederle sono il Van Gogh Museum di Amsterdam e il Kröller-Müller Museum di Otterlo, vale a dire i due templi dell’arte di Vincent. Il suo celeberrimo “Sentiero di notte in Provenza” è stato, non a caso, scelto come logo della mostra.



Se una notte nel tempo Van Gogh e Tutankhamen Vicenza - Basilica Palladiana 24 dicembre 2014 - 2 giugno 2015

Stacks Image 4